Materia   MONOCLORURO DI IODIO, SOLIDO
Numero ONU   1792
Numero di pericolo   80
Etichetta ADR   8
Classe ADR   8
Codice di classificazione   C2
Gruppo di imballaggio   II
ERIC   8-43
 
Informazioni Gestione Emergenze
MATERIA CORROSIVA

1. Caratteristiche.
  • Sviluppa fumi pericolosi
  • Corrosivo, causa danni alla pelle, agli occhi e alle vie respiratorie
  • Reazione violenta con l'acqua, con sviluppo di gas pericolosi
  • Punto di infiammabilità maggiore di 60°C o non infiammabile

2. Pericoli.
  • Il riscaldamento del contenitore(i) provoca aumento della pressione con rischio di scoppio e conseguente esplosione
  • Sviluppa fumi corrosivi e irritanti anche quando brucia
  • Può attaccare i metalli e produrre idrogeno gas che può formare miscela esplosiva con l'aria
  • Il vapore può essere invisibile ed è più pesante dell'aria. Si propaga radente al suolo e può entrare nelle fognature e negli scantinati

3. Protezione Individuale.
  • Indumento completo a tenuta di gas

4. Interventi.
  4.1 Generalità.
  • PERICOLO PER LA SICUREZZA PUBBLICA - Avvertire la popolazione residente di stare in casa con porte e finestre chiuse. Fermare la ventilazione. Valutare l'ipotesi dell'evacuazione della popolazione in caso di pericolo immediato
  • Tenere il carico allo stato secco. Evitare il contatto con l'acqua
  • Tenersi sopravento. Indossare i dispositivi di protezione individuale prima di entrare nell'area del pericolo
  • Limitare al massimo il numero degli operatori dei servizi di soccorso nell'area del pericolo

  4.2 Perdite.
  • Fermare le perdite se possibile
  • Contenere le perdite con ogni mezzo disponibile
  • Assorbire il liquido con sabbia asciutta o con altro materiale assorbente idoneo
  • Se la materia è entrata in un corso d'acqua o in una fogna, informare l'Autorità Competente
  • Ventilare fogne e scantinati se non vi sono rischi per gli operatori dei servizi di soccorso o il pubblico
  • Abbattere la nube di vapore con acqua nebulizzata

  4.3 Incendio (con riferimento al carico).
  • Estinguere con un agente secco
  • Non usare acqua o schiuma per estinguere
  • Rimuovere i contenitori non danneggiati dall'esposizione al calore radiante
  • Usare, se possibile, acqua nebulizzata per abbattere i fumi dell'incendio

5. Primo Soccorso.
  • Se la materia ha colpito gli occhi, lavarli con acqua per almeno 15 minuti e rivolgersi immediatamente a un medico
  • Togliere immediatamente gli indumenti contaminati e bagnare la pelle contaminata con molta acqua
  • Le persone che sono venute a contatto con la materia o hanno inalato i fumi devono rivolgersi immediatamente a un medico e fornirgli tutte le informazioni disponibili sul prodotto
  • Evitare la respirazione bocca a bocca. Usare sistemi alternativi, con preferenza per gli apparecchi ad insufflazione di ossigeno o aria compressa

6. Precauzioni essenziali per il recupero del prodotto.
  • Non usare equipaggiamenti di recupero standard. Consultare immediatamente un esperto

7. Precauzioni dopo l'intervento.
  7.1 Rimozione degli indumenti.
  • Bagnare con acqua gli indumenti contaminati e i mezzi di protezione delle vie respiratorie prima di rimuovere la maschera facciale e i vestiti
  • Usare indumenti protettivi resistenti alle sostanze chimiche e autorespiratori nelle operazioni di rimozione degli indumenti contaminati indossati dai colleghi di lavoro o nella manipolazione di equipaggiamento contaminato
  • Contenere i rilasci conseguenti alla decontaminazione

  7.2 Bonifica dell'equipaggiamento.
  • Bagnare con acqua prima del trasporto dal luogo dell'incidente
Top


© European Chemical Industry Council (CEFIC) 2015-2017.
http://www.cefic.org - Telephone +32 (0)2 436 9300